OBBIETTIVI

• Rilievo georeferito del condotto principale della Cloaca Massima e dei suoi afferenti
 

• Documentazione fotografica e video​

L’impiego di l’archeorobot risulta indispensabile per indagare

e documentare i condotti secondari afferenti alla Cloaca Massima, non accessibili all’uomo per le dimensioni molto ridotte e spesso parzialmente ostruiti.

La pubblicazione dei dati raccolti durante l’esplorazione

e la elaborazione degli stessi consente di avvicinare il pubblico

ad un monumento affascinante, ma poco noto della storia dell’architettura romana.

La Cloaca Massima ancora oggi svolge inalterata la funzione per cui è stata costruita più di due mila anni or sono: convogliare le acque reflue del centro di Roma.